Federico Scarchilli | Silentium
643
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-643,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.0.2,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,paspartu_enabled,menu-animation-underline,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

Silentium

Silentium è un reportage sul monastero cistercense di Mount Saint Bernard, in Inghilterra (Leicestershire). L’ordine cistercense segue la regola di San Benedetto, questa disciplina è contenuta nel libro scritto da Benedetto di Norcia che vige per i monaci che convivono sotto l’autorità dell’abate, il loro motto è “ora et labora” (prega e lavora) L’ordine è nato con l’obiettivo di condurre i monaci a una vita più austera possible, evitando quei benefici cattolici che erano molto comuni nel medioevo.

 

Il mio progetto vuole analizzare l’importanza del silenzio negli spazi religiosi, concentrandosi quindi sul lato architettonico per fotografare “come il silenzio riempe gli spazi fisici“. Il silenzio è usato come ponte per ritrovare la connessione spirituale tra il monaco e il Divino. Questa pratica è ampiamente utilizzata da tutti i monaci il quale riescono ad ascoltare l’inascoltabile. Può l’assenza di rumori essere un mezzo celestiale per investigare l’invisibile?